MotoriDiRicerca.IT - homepage
PRINCIPALI: Descrizione dei più importanti motori di ricerca, statistiche, tabella comparativa, articoli e interviste
RICERCHE; Accesso diretto alle funzioni di ricerca dei principali motori di ricerca e meta-crawler
SUGGERIMENTI: Introduzione ai motori di ricerca. Come ottenere i migliori risultati. Domande e risposte
INSERIMENTO: Come registrare i siti Web nei motori di ricerca e figurare in testa ai risultati
motori di ricerca pagina precedente
Cerca sul sito:
Newsletter gratis! Scrivi la tua e-mail:
Cerca con Yahoo! Search
  COLLEGAMENTI: Collegamento a tutti i principali motori di ricerca, nazionali, internazionali e specializzati
NOTIZIE: Tutte le ultime notizie, le informazioni e le curiosità sui motori di ricerca

Novità sul sito

Registrazione gratis
nei motori di ricerca


Libri sui
motori di ricerca


Statistiche e classifiche

Software gratuito

Che ne pensi del sito?

Dicono di noi

Pubblicità

Collegati a
MotoriDiRicerca.IT


LookSmart: la directory di qualità

LookSmart
www.looksmart.com

Ver.italiana: n.d.
Tipologia: directory
Spider: Wisenut
Directory: proprietaria
Pagine: 1 milione
Tempi registrazione: 5 gg
Pay per review: si (solo commerciali)
49$ una tantum e 0.15$ per click, 15$ di spesa minima mensile

Note: La registrazione dei nuovi siti è vagliata da redattori specializzati ed è a pagamento

Looksmart nasce in Australia nel 1996 grazie a Evan Thornley consulente esecutivo per la McKinsey & Company e gestito dalla testata editoriale Reader's Digest (un gigante da 3.1 miliardi di dollari) per circa un anno per poi diventare indipendente ed aprire i primi uffici negli Stati uniti nel 1997.

Looksmart, che contava nel 2000 in totale 465 dipendenti, è una directory distinta in categorie e la sua missione è quella di creare un indice il cui contenuto sia incentrato sulla qualità dei siti censiti. Le 70.000 categorie all'interno di Looksmart censiscono circa 1 milione di siti, e vengono create ed aggiornate da 180 web editors, divisi in gruppi di interesse e coordinati da professionisti con adeguate competenze nei campi più specifici; il responsabile della sezione medicina ad esempio è un medico, il ramo dedicato alla storia è curato da un professore universitario e così via per la maggior parte delle sezioni di cui è composta la directory.

Nella sola redazione internazionale di Looksmart, con sede a San Francisco, ogni redattore censisce in media circa 55 sottomissioni al giorno per un totale di circa 3000 siti aggiunti alla directory quotidianamente. Una seconda redazione con sede ad Amsterdam si occupa delle versioni olandesi, inglesi e presto di quella italiana che con 17000 url nazionali registrate vedrà la luce all'inizio del 2000.

A questa bisogna aggiungere la redazione di Looksmart Live un nuovo servizio attraverso il quale è possibile porre delle domande sulla directory e più in generale alle tematiche inerenti il web a cui verrà data, si promette, una risposta entro le 24 ore successive. Lo scopo di questo servizio non è solamente quello di fornire risposte esaurienti alle richieste degli utenti ma anche di dar loro indicazioni per metterli in grado di saper cercare meglio le informazioni su internet usando Looksmart o uno dei motori di ricerca dei propri partner. Ovviamente interagire direttamente con gli utenti permette di capirne meglio le problematiche, un know-how di notevole valore per chi sviluppa motori di ricerca.

Il gravoso lavoro di controllo periodico della validità delle url presenti nel database è affidato ad un crawler che controlla l'esistenza dei domini registrati. Per mantenere sempre e comunque un alto standard qualitativo i risultati del crawling vengono poi validati a mano dagli editors per essere certi del risultato.

Una directory, quindi, che vuole garantire all'utente che effettua una ricerca, un'offerta di siti web ampia per numero, ma nello stesso tempo di qualità, ricca nella descrizione, che concede spazio alle peculiarità locali e soprattutto filtrata da un'attenta redazione che impedisce la pubblicazione di materiale non rispettoso di valori come l'etica e la morale. Per questo nel 1997 Looksmart rinuncia ai banner e alle inserzioni pubblicitare a carattere erotico o pornografico.

Intervista a
Massimiliano Errigo
, Director Business Developement di BTLôôkSmart
per l'Italia

Gli utenti di Looksmart sono rappresentati soprattutto da donne e famiglie le quali costituiscono il 60% del totale delle visite alla directory. In virtù di ciò, e in considerazione che nel solo mese di luglio '99 i visitatori sono stati più di 10 milioni, appare chiaro che Looksmart, in linea con le tendenze emergenti nel mondo dei search engines e delle directories, non nasconde l'obiettivo di diventare un punto di riferimento importante nel panorama del commercio elettronico, cercando di incanalare i suoi visitatori verso le transazioni commerciali in rete che rappresentano una fonte di reddito più cospicua rispetto alle inserzioni pubblicitarie, finora principale fonte di reddito per i grandi portali. Da questa necessità è nato RewardMall.com un portale per l'e-commerce che offre per ogni dollaro speso dei crediti virtuali chiamati "RewardPoints". Raggiunto un certo numero di crediti, questi si potranno spendere sempre all'interno del mall o tramutare in sconti per acquistare biglietti aerei.

Una saggia politica di marketing e di accordi con grandi partner, quali Altavista, MSN, Excite e Netscape, garantisce una capillare presenza di Looksmart sulla rete; attraverso tali azioni le categorie di Looksmart vengono pubblicate su questi e altri siti i quali possono, in alcuni casi, decidere di promuovere solo quelle categorie più congeniali per contenuto ai rispettivi utenti.

Il 20 agosto Looksmart 1999 viene quotata in borsa e le sue azioni salgono in un giorno di ben il 44% e godono tuttora di ottima salute.

Strategico è l'accordo con Altavista (ottobre 1999) in base al quale, il popolare search engine utilizza la directory di Looksmart come valore aggiunto per determinare i risultati delle ricerche dei propri utenti.

Segnaliamo inoltre un accordo firmato il 10 Novembre 1999 con British Telecom ed Inktomi vedrà impegnate queste compagnie nello sviluppo di portali verticali, basati su tecnologia Inktomi e contenuti Looksmart, per i nascenti mercati europei ed asiatici (dettagli su BTLookSmart nell'intervista a Massimiliano Errigo)

Per quanto riguarda l'inserimento dei nuovi siti su LookSmart, c'è da registrare un cambio di strategia avvenuto nell'arco di un mese. A maggio 2000 erano infatti state sospese le registrazioni gratuite su LookSmart, prevedendo solo due soluzioni a pagamento: una che garantiva l'analisi del sito entro 48 ore (al costo di 199 dollari) e che prevedeva il rimborso nel caso il sito non fosse stato censito; un'altra soluzione più economica (49 dollari) che prometteva l'analisi entro otto settimane senza nessun rimborso. Con un imbarazzante dietrofront, LookSmart ha invece rimesso tutto come prima, ribadendo la possibilità di registrazione gratuita, sollecitata anche dagli unanimi pareri sfavorevoli di utenti ed esperti del settore. Rimane in piedi la sola opzione "Express listing" per chi ha più fretta di essere inserito e che è disposto a spendere 199 dollari.

Nel tempo la situazione è ancora mutata e a marzo 2002 i costi per l'inserimento in Loooksmart sono di 299$ per URL (Small Business) e una soluzione per i siti più grandi che si basa su un cost-per-click e che parte da una spesa minima di 2500$ al mese.

Maggio 2002 - Looksmart ha cambiato completamente sistema, introducendo il modello di pagamento "per click". Bisogna pagare un costo di "entrata" o di "review" di 49$ e 0.15$ per ogni visita ottenuta al nostro sito, con una spesa minima mensile di 15$ e un massimo di 2500$. E' possibile anche stabilire un tetto alla spesa mensile così che, una volta raggiunto, il nostro listing non sia più visibile agli utenti. Per i siti non commerciali è ancora possibile passare tramite Zeal.com, directory gestita da editori volontari. A conti fatti la spesa per essere presenti in Looksmart è salita notevolmente: rispetto ai 299$ di ieri, oggi dovremo spendere almeno 180$ l'anno per ottenere solo 100 visite mensili!

Aprile 2003 - Looksmart ha acquisito GRUB società sviluppatrice di software collaborativo. In questo modo potrebbe ottenere la potenza di calcolo necessaria ad eseguire frequenti update del database, grazie all'eventuale collaborazione di tutti i PC che decideranno di scaricare la piccola applicazione. Lo stesso tipo di progetto intrapreso dal SETI program o da Google per l'Università di Stanford, integrato tutt'oggi nella Google-Bar.
Forse le soluzioni di elaborazione distribuita potrebbero realmente essere la soluzione economicamente vantaggiosa per molti motori di ricerca, ma quanto sarebbe corretto che una società usasse la potenza di calcolo del nostro computer per il suo business, nonchè la nostra connessione e la banda necessaria?

Ottobre 2003 - Due importanti novità per Looksmart. Nella sua incessante evoluzione, ha deciso di competere nel mercato del keyword advertising, questo anche a fronte del mancato rinnovo del contratto con MSN, che rappresenta ben il 65% delle sue revenue. Il motivo è da ricercare nella rilevanza dei listing forniti da Looskmart e nello sviluppo del prossimo motore di ricerca da a parte di Microsoft. Negli Stati Uniti i suoi risultati spariranno da questo importante partner durante il mese di gennaio del 2004, mentre già nel prossimo ottobre non dovrebbero comparire in MSN Search UK. Tornando all'altra novità, è quindi possibile acquistare link a pagamento sui siti di alcuni partner di Looksmart con il modello di pricing simile a quello di Google. Una possibilità in più per poter influenzare l'ordinamento dei risultati attraverso un bid più elevato, anche se questo terrà conto anche della percentuale di Click Through raggiunta dalle inserzioni.

Ottobre 2004 - Looksmart ha acquisito Furl.net, il noto sistema di social bookmarking. Furl permette di salvare in un nostro archivio privato una parte o l'intero testo di una pagina web, organizzando questo materiale in cartelle e quindi ricercare all'interno di questa nostra sotto-rete le informazioni. Lo spazio a disposizione è di 5 gigabyte. L'obiettivo di questa acquisizione è la creazione di un nuovo algoritmo di ranking che utilizzi anche gli archivi di Furl per determinare il posizionamento dei siti web.

 

Articolo a cura di Eolo Perfido e Maria Antonia Splendore

motori di ricerca
Descrizione dei più importanti Motori di Ricerca
Mappa dei motori e delle directory
Pagine monografiche
Statistiche e classifiche
Caratteristiche per la ricerca
Tabella comparativa
Articoli
Interviste esclusive
Newsletter sui Motori di Ricerca
 
Forum sui motori di ricerca
FORUM

L'area d'incontro
sui motori di ricerca

Segnala questo sito
ad un amico!

News in tempo reale sui motori di ricerca

pagina precedente   inizio pagina

Home |  Principali |  Ricerche |  Suggerimenti |  Inserimento |  Collegamenti |  Notizie

e-mail:

Ad Maiora
"MotoriDiRicerca.IT"
è un progetto Ad Maiora




LinkExchange Network

Copyright 1997-2006 Ad Maiora S.p.A.